Il progetto

Civic è un progetto finanziato dall’Unione Europea e realizzato dal Corpo forestale dello Stato, Legambiente e l’Agenzia delle dogane e dei monopoli, che si propone di analizzare le criticità all’interno di alcune delle filiere commerciali più colpite da fenomeni di illegalità.

Nel mondo globalizzato, l’ampliamento e la ramificazione dei mercati internazionali ha generato un crescente e incontrollato dilagare di fenomeni di commercializzazione illecita di beni.
I traffici legali si intrecciano e si sovrappongono con quelli illegali, traendo vantaggi dalle lacune del quadro normativo e dei controlli, nonché da scelte burocratiche e di politica industriale di fatto criminogene.

In questo contesto, il progetto Civic ha scelto di focalizzare la propria attenzione su tre delle filiere commerciali più colpite dall’illegalità: quella dei rifiuti, quella agroalimentare e quella delle specie protette.

L’analisi mira a individuare le maggiori vulnerabilità al fine di proporre soluzioni efficaci per eliminarle. Per far luce sui rischi e sulle occasioni di infiltrazione illecita è fondamentale verificare la struttura e lo sviluppo delle singole filiere commerciali: per questo, a integrazione della ricerca, gli stakeholders del progetto saranno chiamati a rispondere a dei questionari formulati con l’obiettivo di individuare con precisione le criticità.

L’attività di monitoraggio e di analisi procederà quindi attraverso il coinvolgimento degli operatori di settore e di tutti coloro che, lungo il percorso progettuale, si riterranno utili alla piena conoscenza delle singole fasi in cui si articola ogni filiera. La fase di raccolta dati implicherà anche la condivisione delle pratiche che, a livello investigativo, si sono rivelate efficaci nella lotta ai traffici illegali. Una volta acquisite le informazioni utili, si procederà quindi all’elaborazione di linee guida e di protocolli utili a implementare gli strumenti di prevenzione e di contrasto.

Particolare attenzione verrà dedicata alla formazione del personale predisposto ai controlli, nonché al tema della comunicazione e della sensibilizzazione dell’opinione pubblica rispetto al problema dei traffici illegali.